Tumore al seno: dopo l’intervento tornare se stesse.

Cultura - Attualità



In Italia si stima vivano oggi 300.000 donne che hanno avuto nella loro storia di vita una diagnosi di tumore al seno. Grazie alla diagnosi precoce e a terapie avanzate, l’aspettativa di vita è sempre più lunga e di qualità, ma non esistevano ad oggi dati che potessero documentare la realtà sul fronte psicologico, sociale e professionale.


Europa Donna, impegnata in prima linea per promuovere la sensibilizzazione e la diffusione di informazioni sul tumore al seno, ha affidato ad Astra Ricerche la prima indagine sulle conseguenze psicologiche, sociali e professionali del tumore al seno. La ricerca ha coinvolto oltre 500 donne operate al seno tra il 1980 e il 2006 presso nove centri oncologici aderenti all’iniziativa. Obiettivo fondamentale dell’indagine era quello di analizzare l’impatto sul lavoro delle donne operate al seno. A questo proposito, il 52 per cento delle intervistate non ha segnalato alcuna modifica conseguente all’intervento, ma il 21 per cento delle già lavoratrici ha visto peggiorare significativamente la sua condizione. All’opposto, un quarto delle donne che già lavoravano ha raccontato di passi avanti, o comunque di un trattamento cordiale. Ad una domanda diretta, il 65 per cento risponde negando qualunque penalizzazione professionale, ma il 32 per cento sostiene di averne sofferto.


Discreta risulta la conoscenza specifica delle quattro facilitazioni per i lavoratori malati di tumore introdotte con la Legge Biagi; tuttavia, data anche la “gioventù” di tale legge, è risultato molto modesto l’utilizzo delle quattro norme (tra il 2 e il 3 per cento).


L’indagine ha messo inoltre in luce i diversi aspetti dell’esperienza affrontata da queste donne, sia per quanto riguarda l’intervento in sé, che per quanto riguarda i sentimenti e l’impatto esistenziale, i rapporti personali e le abitudini di vita. I risultati evidenziano come, per la maggior parte delle intervistate, l’intervento abbia costituito “un’esperienza dura, ma che si può superare”. Tuttavia l’84 per cento afferma che la temperie emotiva resta molto alta e intensa, anche a distanza di anni; molte donne affermano di dare importanza a valori diversi da prima, alle piccole cose, e di amare di più la vita.

Una delle aree problematiche per le persone intervistate è quella delle relazioni con gli altri: in generale prevale la stabilità, ma non poche donne segnalano peggioramenti per quel che riguarda i rapporti col partner, con i familiari sia conviventi che non, con amici e colleghi o semplici conoscenti.


Per quanto riguarda le abitudini di vita, la ricerca ha prodotto risultati molto variegati; non sono quindi state individuate significative tendenze di massa, confermando che ogni esistenza è assolutamente unica e diversa dalle altre. In ultima analisi la ricerca stimola una riflessione sul significato più profondo di guarigione, che va oltre il superamento con successo di un intervento al seno abbracciando le relazioni affettive, il riconoscersi in una nuova immagine del corpo e del sé più profondo e, non da ultimo, nell’essere riconosciuta dalla società come un individuo con tutti i diritti previsti dalla carta costituzionale del nostro Paese e dalla nostra legislazione. Anche nel diritto al lavoro.


Europa Donna è un Movimento di opinione europeo per la lotta al tumore del seno nato da un’idea dell’oncologo Umberto Veronesi al fine di richiamare l’attenzione sulla necessità di affrontare questa patologia con mezzi adeguati e in maniera incisiva, sia a livello legislativo e istituzionale, sia con la sensibilizzazione della popolazione, dei media e dei clinici sull’argomento. Europa Donna raccoglie le esperienze e le conoscenze di 40 paesi pan europei impegnati nella lotta al tumore del seno, ridistribuendo le informazioni e proponendosi come punto di interscambio culturale e scientifico. Nel nostro Paese il Forum italiano è attivo dal 1996 e raccoglie oltre 150 associazioni impegnate su tutto il territorio nella lotta al tumore del seno. Europa Donna Parlamento è un gruppo di lavoro nato dalla collaborazione tra il Forum italiano di Europa Donna e le Parlamentari della Repubblica, senza distinzione di schieramenti politici, che si sono impegnate nella lotta al tumore del seno, facendo della trasversalità politica un punto di forza.


Tag:


Presente in:

Cultura - Attualità

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)