Una badante robot?

Tecnologia - Attualità






Pare proprio di sì: HRP-4C (questo il nome del prototipo) potrebbe avere una missione più importante che far vendere l’alta moda o il prêt-à-porter, e cioè quella di assistere disabili e anziani in una società che invecchia. Il suo ideatore Masayoshi Kataoka, del National Institute of Advanced Industrial Science and Technology, ha voluto in realtà creare una base di studio (costata circa 2 milioni di dollari) da cui partire per creare robot domestici; pare che il business legato alle esigenze di una società in cui l´età media sta aumentando valga 10 miliardi di dollari.



HRP-4C funziona con motori alimentati a batteria che si trovano sul suo corpo e sul suo viso e che gli consentono di produrre espressioni del volto, di camminare e di posare come una top model, anche se qualcuno ha osservato che la sua mobilità (per ora) somiglia piuttosto a quella della cantante Arisa sul palco del recente Festival di Sanremo.



L´attuale modello -- che pesa 43 chili ed è alto 158 centimetri -- è stato ridisegnato facendo dimagrire il precedente che pesava 58 chili, in vista delle sfilate di moda di Tokyo che inizieranno il prossimo 23 marzo. L’aspetto è stato studiato nei dettagli per incarnare la media delle donne giapponesi, strizzando però l’occhio ai fumetti manga e anime di tradizione nipponica.



Se davvero il futuro di questo robot sarà quello di “badante”, potremo scegliere per i nostri nonnetti l’età, i tratti somatici, il timbro della voce e il grado di efficienza?





Tag:


Presente in:

Tecnologia - Attualità

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)