Vacanze 2002: l’hit parade delle spiagge

Viaggi - Mare



Volete trascorrere le ferie estive nel migliore posto di mare della nostra penisola? Andate ad Otranto, la perla del Salento. E’ questa, secondo la “Guida Blu 2002” pubblicata da Legambiente insieme al Touring Club, la regina delle vacanze 2002, ovvero la migliore località balneare su 483 comuni della costa italiana. Per le spiagge meravigliose ed il mare pulito, ma non solo, anche e soprattutto per le bellezze paesaggistiche e le attrezzature turistiche.




Solo Otranto e altre nove località hanno ottenuto cinque “vele di qualità”, il riconoscimento, calcolato analizzando ben 128 indicatori che vanno dal paesaggio naturale alla capacità ricettiva, dai servizi turistici alla mobilità, dalla vivibilità, alla sostenibilità balneare. La località pugliese, da molti anni in questa speciale “top ten”, ha ottenuto però il punteggio più alto, 96,4, battendo la siciliana Ustica (95,5) e la ligure Cinque Terre (95). Leggermente staccate seguono Pantelleria (TP), Pollica (SA), Tropea (VV), Castiglion della Pescaia (GR), Arbus (CA), Isole Tremiti (FG) e Sirolo (AN).
turistiche.




Oltre alla classifica delle località balneari, la guida quest’anno contiene anche due novità. Una selezione delle spiagge più belle e quella dei migliori luoghi per effettuare immersioni subacquee. Tra le 300 spiagge prese in considerazione, 15 sono quelle che si sono meritate i voti migliori, molte sconosciute ai più. Tra queste la Cala degli Infreschi, in provincia di Salerno, raggiungibile solo dal mare come anche la spiaggia di Punta Corvo, tra Liguria e Versilia a ridosso del promontorio di Montemarcello. Da non perdere anche la spiaggia di Vendicari, forse la più bella di tutta la Sicilia, quella di Cala del Porto, nell’isola disabitata di Palmarola, nell’arcipelago di Ponza, e le spiagge sarde di Cala Sisine e Cala Luna, nel golfo di Orosei.



Per gli amanti delle profondità marine, ecco invece i luoghi migliori e più suggestivi per un’immersione: dalla grotta del Tinetto, a largo di Portovenere, al fondale di Torre di Caino a Maratea, Potenza, ricco di caverne sotterranee, dagli spettacolari 55 metri di profondità alle Formiche, nella Caia Piccola dell’Argentario, al largo dell’isola di Giannutri, Grosseto, dove a 45 metri sott’acqua si può ammirare il relitto di “Anna Bianca”, una nave mercantile adagiata sul fondo sabbioso.




Da contraltare alla presentazione della guida “Mare Blu” c’è invece la situazione, non soddisfacente, dei mari italiani presentata dal ministro dell’Ambiente Altero Matteoli nell’ultimo rapporto sulla qualità delle acque: un chilometro su tre di costa italiana è off-limits, ovvero vietato alla balneazione a causa dell’inquinamento. Pochi i miglioramenti rispetto al 2000: i chilometri di spiagge e scogliere impraticabili sono 400,5, contro i 403 di due anni fa.



Tag:


Presente in:

Viaggi - Mare

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)