Vacanze: lasciamoli divertire

Viaggi - Viaggi per bambini



Non correre che sudi! Attento all´acqua, è troppo fredda! E mettiti il capellino! Par di sentirle le mamme italiane in spiaggia. Premurose ed apprensive come poche, d´estate si scatenano davvero e per i loro piccoli la vacanza diventa un continuo rimprovero. In realtà gli accorgimenti da prendere sono pochi e davvero semplici, ma il più importante è capire che la vacanza è anche loro. La prudenza è d´obbligo, certo, ma lasciamogliela godere.



L´acqua. L´adagio dei nostri nonni dice: mai fare il bagno prima delle tre ore dopo il pasto. In realtà si tratta di uno considerazione un po´ eccessiva. Infatti, se il pasto non è stato eccessivamente abbondante e l´acqua non è molto fredda, il bagno si può fare anche prima. Altra luogo comune da sfatare è quello di non fare il bagno con il raffreddore. In realtà l´acqua in questo caso fa bene, perché entra ed esce dal naso come antinfiammatorio.



L´acqua, invece, può risolvere molte piccole emergenze. Il ghiaccio per le contusioni o le distorsioni, l´acqua fredda per il prurito, quella calda se si viene toccati da una medusa. Se nella pelle è rimasta una spina o un aculeo vanno fatti impacchi di acqua calda salata. Nel caso di una puntura causata da un riccio di mare va bene ancora l´impacco oppure l´immersione per mezz´ora due volte al giorno finché il corpo estraneo non esce.



Sole. E´ il grande dilemma delle ultime estati. C´è chi dice che fa bene e chi invece che fa male. In realtà è tutte e due le cose: troppo sole può provocare danni, ma anche troppo poco riduce gli effetti benefici su neurotrasmettitori come la melanina e la serotonina. L´esposizione ai raggi solari, inoltre, stimola la formazione della vitamina D, fondamentale per la metabolizzazione del calcio nelle ossa.



Basta tenere presente che i raggi ultravioletti sono più intensi dalle 11 alle 15, ma in realtà basta un po´ di buon senso e una buona crema protettiva, che è in grado di difendere la pelle anche in queste ore. Va usata anche quando si è già abbronzati e applicata ogni tre ore o, comunque, dopo un´abbondante sudorazione o dopo il bagno. Unica avvertenza per i piccolissimi: entro il primo anno d´età, infatti, è meglio non esagerare e tenere i pargoli al riparo dal sole quanto più è possibile.




Tag:


Presente in:

Viaggi - Viaggi per bambini

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)