Web follie: il mio corpo ti promuoverà.

Società - Web



Stufi di essere bombardati dai soliti spot? Niente paura, è in arrivo un nuovo tipo di pubblicità che sicuramente vi farà voltare la testa (soprattutto agli uomini): offrire parti del proprio corpo a disposizione come spazi pubblicitari. Negli Stati Uniti sono già decine le persone che hanno messo all’asta, tramite il celebre sito eBay, “zone”, per così dire, appetibili per apporvi un marchio (realizzato con un tatuaggio temporaneo). La più richiesta, neanche a dirlo, il décolleté femminile.



Se vi sembra una pazzia degna di quel calderone di internet, dove si può trovare tutto ed il contrario di tutto, non avete fatto i conti con la voglia di stupire dei pubblicitari (e delle aziende). Esempio clamoroso quello di Andrew Fischer, 20 anni di Omaha (Nebraska) e di professione web grafico, che è riuscito, dopo aver ricevuto 39 offerte, a stipulare un contratto da ben 37.375 dollari (circa 30 mila euro) per mettere a disposizione la propria fronte come spazio pubblicitario per un mese, 24 ore su 24 ovviamente. A pagare è stata la SnoreStop, azienda specializzata in prodotti per evitare di russare, il cui amministratore delegato, Christian de Rivel, ha dichiarato che con Fisher “si è rapidamente raggiunto un soddisfacente rapporto di collaborazione”.



Il successo di Fischer ha spinto molti altri a cedere la propria fronte su eBay. C’è un tizio di Jacksonville, appassionato di football americano, che mette a disposizione la sua fronte per tutte le partite della squadra, sia in casa che fuori. O quello che promette di girare con un cappello a tuba adeguatamente marchiato. In realtà l’idea non è del tutto nuova. Qualche anno fa il pugile professionista italiano Vincenzo Cantatore si fece tatuare il marchio di uno sponsor (il numero di un radiotaxi) sulla schiena per esibirlo durante un incontro.



Ma se gli uomini offrono la fronte (o la schiena), le donne hanno ben altre parti, sicuramente più appetibili, da mettere all’asta. E così è stato. Non si sono fatte attendere, infatti, le offerte di décolleté in affitto. Angel Brammer, 27 anni di Greenock, vicino a Glasgow, offre il suo per 15 giorni (le offerte sono arrivate a 255 sterline, circa 380 euro), “Toolieboolie” , una ragazza di Phoenix, Arizona, che preferisce usare uno pseudonimo, affitta il suo seno per pubblicità che non siano “pornografiche o repellenti”, Catherine Kunt di Miami, si impegna a mostrare le proprie grazie, adeguatamente sponsorizzate, per quattro settimane (30 ore la settimana) in luoghi pubblici quali club, centri commerciali e stazioni della metro. Ma quando qualcuno si accorgerà di quanta pubblicità facciamo, involontariamente, esibendo i marchi di quello che indossiamo, andrà a chiedere conto ai propri sponsor?


Tag:


Presente in:

Società - Web

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)